Uno dei piccoli sogni che avevo nel cassetto da bambino, era proprio quello di andare allo Zecchino d’oro. La passione per la musica mi ha sempre attratto dalla magia di questo evento, fin da piccolino.

Ci è voluto un secondo anno de “il Mandorlo” per realizzarlo, a quasi 23 anni. Mercoledì 5 e giovedì 6 dicembre, io, Alex e Filippo, con il nostro animatore don Andrea, siamo stati in uscita formativa a Bologna. Un piccolo momento di ”svago” oltre alla formazione, durante la pausa scolastica. Siamo stati ospitati da Suor Donatella e dalla comunità delle Serve di Maria di Galeazza, che ringraziamo di cuore! Durante la prima mattinata siamo stati in visita alla città: le piazze principali, la Torre degli Asinelli, la cattedrale, la basilica di San Petronio e il complesso di Santo Stefano. Il pomeriggio, guidati dal direttore dell’Antoniano, Fra Giampaolo Cavalli dei frati Francescani Minori, siamo stati accolti per una visita all’interno delle loro strutture che offrono dei servizi di prossimità a chi è meno fortunato di noi. Quattro passi sono per loro fondamentali: il pasto, l’accoglienza, l’ascolto e l’aiuto. “Operazione Pane” è la loro campagna di solidarietà che sostiene le mense francescane in tutta Italia. Il legame tra Il Piccolo Coro dell’Antoniano e le mense
francescane vive da sempre. Lo Zecchino d’Oro, infatti, nasce per portare con la musica una speranza a chi, durante la guerra, aveva conosciuto la fame. Nel tardo pomeriggio ci siamo ritrovati tra il pubblico durante una
registrazione dello Zecchino delle puntate andate in onda a Natale, nello specifico il pomeriggio della Vigilia. Non potete immaginare che emozione! Si sono esibiti, oltre alle due bambine vincitrici della 61esima edizione e al tradizionale piccolo coro “Mariele Ventre” diretto da Sabrina Simoni, anche alcuni personaggi televisivi, per esempio, (per restare in tema), l’omonima attrice Natalina, nota come la “Perpetua” nella fiction di “Don Matteo”. Alla fine della puntata, ci siamo sbizzarriti con foto e selfie con i vari ospiti. Il giorno successivo, il nostro animatore Don Andrea, ci ha tenuto una tappa del Cammino Formativo che ci accompagna durante l’anno al Mandorlo. Ci ha parlato di discernimento, parola ormai ricorrente anche da parte di papa Francesco, per decidere e vivere scegliendo il bene. Sono stati due bei giorni di fraternità e amicizia. È bello, a volte, uscire dal quotidiano e fare esperienze in luoghi diversi aiuta a vedere e scorgere se stessi e gli altri in modo diverso. Grazie ancora per questa possibilità.  

Simone Adami